• gil borz

TECNOCRAZIA E POPULISMO NELL'UNIONE EUROPEA

Gli amanti della Democrazia, i nati negli anni '50 e '60, si lamenteranno un po', ma con tutta evidenza la Tecnocrazia si va facendo strada anche nell'Unione Europea.

L'U.E. è un po' come Facebook, un sistema governato da algoritmi dove sconosciuti e superflui individui pubblicano norme al solo scopo di affermare la propria esistenza. In apparenza si fa politica, ma nella sostanza si cerca di adeguare la gestione ordinaria ai mutamenti dell'economia.

Per evitare scossoni si ricorre al Populismo, canalizzando la possibile protesta in bolle di sapone destinate ad afflosciarsi miseramente. Se il Populismo non basta ecco le Grandi Paure, virus micidiali (ancor più micidiali in quanto invisibili), Guerre reali, Guerre Potenziali, Guerre Possibili, Riscaldamenti Globali, Estinzioni Universali: paure e terrori a cui solo i Tecnici (organici alla politica) sanno dare risposte e soluzioni. Ed eccoli lì, i Tecnici, schierati nelle TV commerciali (che inseguono l'Auditel e hanno bisogno della Paura e del Conflitto per tenere alti ascolti e incassi pubblicitari) così come nelle TV pubbliche che non si distinguono affatto da quelle commerciali.

Tutti a osannare i Tecnici e le Competenze, con la Politica prona ai loro orientamenti, pronta a tradurre in norma le loro osservazioni.

Una Paura tira l'altra, come le ciliegie, in una escalation che dalla Paura conduce al Terrore e dal Terrore alla smania di sicurezza, alla cessione di ogni libertà in cambio di una parvenza di sicurezza.

A proposito: che fine ha fatto Greta Thunberg?

E' tornata a scuola, ora che non è più utile al Potere?



0 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti